Privacy Policy La bandiera dell'Umbria - Antropia
La bandiera dell'Umbria

La bandiera dell’Umbria

Le bandiere, oltre che ad identificare univocamente una località, aspirano a ritrarne nell’immediatezza di una immagine l’identità culturale, tanto nelle sue radici storiche quanto, talora, nelle sue tonalità mitologiche. Quanto ne sapete sulla simbologia legata alle regioni italiane?

La bandiera dell’Umbria raffigura degli elementi geometrici che stilizzano i tre ceri della Corsa dei Ceri, una rocambolesca manifestazione tradizionale tenuta a Gubbio (provincia di Perugia) il 15 maggio di ogni anno in onore di Sant’Ubaldo Baldassini, celebre vescovo del XII secolo venerato come santo e patrono della città.

La bandiera dell'Umbria

Di F l a n k e r – Opera propria, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1749162

Si tratta di una delle ricorrenze folkloristiche più longeve in Italia ed è vissuta dalla comunità locale con travolgente trasporto ed intensa partecipazione. Svoltasi con cadenza ininterrotta per quasi un millennio dal 1160 al 2019, promuove tutt’oggi la coesione sociale ed un’identità culturale impregnata di valenze medievali, monastiche ma anche pagane, com’è tipico nelle comunità umbre.

La bandiera dell'Umbria

Nell’immagine in evidenza si può osservare un tratto periferico del comune di Gubbio con l’originaria cinta muraria difensiva ancora parzialmente conservata. In particolare, la frazione più integra si trova in corrispondenza della zona alta della città, dove sorgono le torri e la sequenza di feritoie fino alla porta di S.Angelo detta di S.Ubaldo, perché attraversata dalla strada che conduce alla Basilica del Santo dove giacciono le spoglie incorrotte del patrono.

Ma la notorietà del comune è forse legata maggiormente alle vicissitudini miracolose di san Francesco d’Assisi, il quale, secondo la tradizione, vi avrebbe ammansito un lupo feroce semplicemente parlandogli nel nome di Gesù Cristo. Oltre che per l’ascetismo ed il contributo alla storia del Cristianesimo, il “poverello d’Assisi”, grazie al Cantico delle Creature, è celebrato universalmente come uno degli iniziatori della tradizione letteraria italiana.

Se la storia della bandiera dell’Umbria ti ha appassionato puoi consultare anche la rubrica completa: https://antropia.it/bandiere-ditalia/.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *